Controllo di gestione

Il controllo di gestione è un insieme di tecniche e strumenti necessari per la pianificazione e controllo dell’andamento aziendale e per aiutare il management a fissare obiettivi e a raggiungerli in tutte le aree aziendali.

Queste tecniche aiutano a progettare strategie e prendere decisioni che riguardano il presente e il futuro dell’Azienda per poter migliorare competitività, quote di mercato, risultati economici e finanziari.

Crisi aziendale e risanamento

Molteplici fattori, sia interni ed esterni all'impresa, spesso concomitanti, possono causare difficoltà, compromettendone l'equilibrio economico-finanziario. Tali fattori, se non individuati per tempo, possono minacciare la stessa sopravvivenza dell'impresa. Generalmente, il Management comincia a rendersi conto delle difficoltà quando la performance aziendale è inadeguata o in declino: - il volume dei ricavi non cresce quanto crescono i costi; - l'azienda non dà utili o genera perdite; - diminuisce la quota di mercato; - aumenta l'indebitamento; - diminuisce la liquidità. Dal punto di vista operativo, i primi interventi da realizzare hanno come obiettivo il recupero di efficienza nel breve periodo.

Consulenza Gestione Risorse umane

L'organizzazione di un'azienda è sempre complessa, poiché essa si compone di molteplici fattori, tutti "intangibili", cioè non materiali.

L'organizzazione è fatta di:

Persone

ciascuna portatrice di aspettative ed obiettivi che non sempre coincidono con quelli dell'azienda e che, pertanto, devono essere indirizzate e governate.

Ogni persona, inoltre, è portatrice di capacità specifiche che devono essere individuate, per poter essere valorizzate.

Consulenza organizzativa

Progettare i processi aziendali
Passo obbligato, per realizzare la reale integrazione, è la rilettura della struttura organizzativa, non più in termini di funzioni gerarchiche, ma in termini di processi che attraversano la struttura e coinvolgono diverse funzioni.
 
Solo la comprensione di questi processi, infatti, consente di migliorare l'efficienza e l'efficacia dell'organizzazione, nonché di rendere tutti consapevoli del proprio ruolo: dell'esistenza, all'interno dell'azienda, di "clienti" che stanno "a valle" della propria funzione.
 
L'orientamento alla soddisfazione dei "clienti interni" diventa premessa all'orientamento generalizzato verso la soddisfazione delle esigenze dei "clienti esterni".
 

Temporary Management

Il "manager a tempo" interviene nei momenti critici della vita di un'azienda, sia negativi (fasi di difficoltà e di crisi che richiedono interventi di riequilibrio), sia positivi (crescita, sviluppo di nuovi business e di nuovi progetti), per gestire l'accelerazione del cambiamento e dell'innovazione necessari per competere.

A fronte degli obiettivi di risanamento o di crescita concordati con la Proprietà, il temporary manager progetta, propone e realizza interventi operativi, per migliorare le performance aziendali e le capacità di gestione.

Il temporary manager non si limita ad analizzare la situazione e a prescrivere soluzioni.